cultura

CULTURA. In occasione di Bookcity Milano, i Libri d’artista dei soci Fedi e Gini

Segnaliamo due eventi in occasione di Bookcity Milano 2017:

 

Venerdì 17 novembre, ore 17:30

CASTELLO SFORZESCO – BIBLIOTECA D’ARTE in Piazza Castello 1, Milano

LIBRI D’ARTISTA: MEMORIE E PENSIERI

 

Incontro di Sergio Graffi – direttore della Biblioteca d’Arte del Castello Sforzesco di Milano, Amedeo Anelli critico d’arte, poeta e direttore della rivista di poesia e filosofia Kamen’, Roberto Peccolo, gallerista editore di Livorno con gli autori e soci PLEF Fernanda Fedi e Gino Gini.
Sarà presentato il recente libro di Fedi e Gini, Collana MEMORIE D’ARTISTA, edito da Edizioni Peccolo Livorno. Reperti dalla scrittura Rongorongo di Fernanda Fedi e Venti Proposizioni sulla Scrittura di Gino Gini.

Domenica 19 novembre, ore 11

ARCHIVIO LIBRI D’ARTISTA – Palazzo Galloni – Alzaia Naviglio Grande 66 – 20144 Milano

POESIA VISIVA – Libri d’artista dagli anni Settanta al contemporaneo

 

Mostra dedicata a Carla Roncato – Galleria Libreria Derbylius Milano. Opere-libro dell’Archivio dei soci Fedi e Gini di artisti della Poesia Visiva che hanno collaborato con Derbylius. Introduzione di Gino Gini sull’evoluzione della Poesia Visiva nel Libro d’Artista.

 

La mostra sarà aperta dal 19 – 30 novembre 2017.

Per maggiori info: +393480357695


Difficile trovare un artista che nell’arco della sua carriera non si sia confrontato almeno una volta con il medium ‘libro’, luogo dell’avventura segnica ma destinato a subire le tensioni e le trasformazioni che hanno attraversato il mondo culturale e artistico, ad iniziare dal Futurismo, avanguardia storica per eccellenza, per poi sfociare nella loro ripresa negli anni ’60 del Novecento.

 

L’Archivio diretto dalla Fedi e da Gini oggi può vantare una quantità enorme di libri, un autentico patrimonio artistico-culturale costituito da oltre un migliaio di lavori in cui si riassumono pagine storiche dell’arte e della costante psicologico-estetica chiamata gusto. ‘Libro d’artista’ è una definizione che compendia distinzioni, diversificazione tecniche, artigianali, artistiche, di forma, procedura, qualità, materiale, gusto. Tiene insieme tradizione, ricerca, approfondimento, documentazione, esperienza e sperimentazione. Negli ultimi due mezzi secoli il manufatto artistico (libro-oggetto, libro-forma, libro-espressione) si è ritagliato un territorio di libertà creativa: dalle prime esposizioni, dove appariva come soggetto raro e provocatorio, è passato alla esplosione e diffusione. Ciò ha implicato per l’Archivio diretto dalla Fedi e da Gini, un ininterrotto aggiornamento del piano logistico, della organizzazione, della comunicazione e della selezione, facendo fronte nell’unico modo concesso: attraverso un approccio pragmatico affidato alla profonda cultura personale dei due artisti.

 

Share on LinkedInShare on FacebookTweet about this on TwitterShare on Google+Pin on PinterestEmail this to someonePrint this page

0 risposte ↓

  • Non ci sono ancora commenti.

Devi fare il login per inserire un commento.