notizie

Energia e Clima: il vertice ad Aprile

Barack Obama ha invitato i leader dei 16 Paesi più ricchi a un forum-vertice su energia e clima in programma a Washington il 27 e il 28 aprile, che trarrà le conclusioni al G8 della Maddalena in Italia dall’8 al 10 luglio. L’obiettivo finale è giungere a un nuovo accordo sui cambiamenti climatici in sede Onu.

Per riattivare il “Major economies Forum sull’energia ed i cambiamenti climatici“, Obama ha scritto una lettera a Silvio Berlusconi, in cui si chiede l’aiuto dell’Italia. Il premier, si apprende da fonti governative, ha dato il suo via libera affinchè la riunione si tenga a margine del G8 della Maddalena.

I Paesi invitati a Washington il mese prossimo sono Australia, Brasile, Canada, Cina, Corea del Sud, Francia, Germania, Giappone, Gran Bretagna, India, Indonesia, Italia, Messico, Russia, Sud Africa. La Danimarca parteciperà come presidente della Conferenza del dicembre 2009 in vista di una convenzione Onu sul clima. Al dialogo sono state invitate anche le Nazioni Unite.

Il presidente sta lanciando il forum su energia e clima per facilitare il raggiungimento di un accordo sul riscaldamento globale alle Nazioni Unite, ha spiegato la Casa Bianca. Al summit di Washington i leader delle principali potenze economiche “contribuiranno a generare la necessaria leadership politica” per raggiungere, più avanti durante l’anno, un patto internazionale per tagliare le emissioni di gas serra, si legge in una nota diffusa dalla Casa Bianca.

Le riunioni riservate alla maggiori economie dedicate ai mutamenti climatici e all’energia sono state istituite nel 2007, alla vigilia del G8 di Heiligendamm in Germania, quando il presidente degli Stati Uniti era George W. Bush. Il primo incontro si tenne a Washington il 27 ed il 28 settembre 2007, seguito da altre due riunioni l’anno successivo: il 30 e 31 gennaio 2008 a Honolulu, Hawaii, e il 16-18 aprile 2008 a Parigi. L’incontro del prossimo 27 e 28 aprile sarà quindi il quarto nell’ambito dell’iniziativa.

Repubblica, 28 Marzo 2009

1 risposta ↓

  • 1 Nadia // 31 marzo 2009 alle 16:05

    Nei piani di lavoro dell’amministrazione Obama i problemi climatici e ambientali hanno un posto di assoluto rilievo. Questo perchè è ormai impossibile ignorare i danni che l’inquinamento sta causando al Pianeta. E’ importante che un governo come quello degli Stati Uniti cerchi di creare un piano comune con gli altri leader mondiali per realizzare finalmente soluzioni concrete per questi problemi. E’ di oggi un articolo su La Repubblica, scritto dal giornalista Alberto d’Argenio, che sottolinea come l’Italia, insieme a Spagna e Grecia, sarà tra le nazioni più colpite da questi cambiamenti. A soffrire maggiormente saranno tre pilastri della nostra economia, agricoltura,turismo e industria alimentare. Chi volesse leggere per intero l’articolo può trovarlo su http://www.repubblica.it/2009/03/sezioni/ambiente/clima-ue/clima-ue/clima-ue.html
    La speranza è che anche la nostra amministrazione decida di impegnarsi in modo efficiente per affrontare la grave crisi climatica all’orizzonte.

Devi fare il login per inserire un commento.