comunicazioni

RAPPORTI. Politiche turistiche e Sostenibilità

La sostenibilità è ormai un obiettivo comune a tutte le politiche nazionali del turismo. Lo sostiene il “Baseline Report on the Integration of Sustainable Consumption and Production Patterns into Tourism Policies” dell’Unwto, l’Organizzazione mondiale del turismo. Secondo il rapporto, il settore turistico dovrebbe crescere in media del 3,3% all’anno fino al 2030, quando sono previsti 1,8 miliardi di turisti internazionali.

 

Il segretario generale dell’Unwto, Pololikashvili, in occasione della pubblicazione ha dichiarato: “Sostenibilità e competitività vanno di pari passo. Le destinazioni e le imprese turistiche possono prosperare apportando un contributo significativo alla sostenibilità, anche attraverso l’uso efficiente delle risorse, la promozione della conservazione della biodiversità e l’adozione di misure per combattere i cambiamenti climatici”. Tutte le politiche di turismo analizzate riferiscono alla sostenibilità come parte dei loro obiettivi. Il 55% considera la sostenibilità come un elemento trasversale, il 67% delle politiche include riferimenti all’efficienza delle risorse e il 64% collega la sostenibilità alla competitività del settore.

 

Confrontando i vari Paesi, il Rapporto evidenzia la presenza di elementi comuni come alloggi e strutture, conservazione della biodiversità, del patrimonio culturale, occupazione, risorse umane, sviluppo territoriale, inclusione di comunità locali, infrastrutture e servizi, investimenti, marketing e promozione, mobilità interna, sviluppo di prodotti e standard di qualità, presenti nel 90% dei casi. In misura minore (70%) le tematiche della connettività, buon governo, rafforzamento istituzionale, approvvigionamento locale di materiali, sicurezza e gestione del rischio, e le meno citate accessibilità per tutti (49%), parità di genere (48%) e condizioni di lavoro (44%).

 

Nel complesso, dichiara il Rapporto, esiste una consapevolezza diffusa dell’importanza che le politiche turistiche hanno su produzione e consumo responsabile. Per il futuro, conclude il Report, è necessario adottare una serie di approcci strategici, sintetizzati in cinque punti.
1) Utilizzare gli SDGs come framework guida al centro delle politiche turistiche, così da fissare impegni a lungo termine che vanno oltre i cicli politici.
2) Sviluppare strumenti politici adeguati, incentrati sull’individuazione di un adeguato mix fra strumenti economici, normativi e volontari.
3) Sviluppare e supportare meccanismi di monitoraggio degli effetti delle politiche sulle aree di impatto più sensibili, individuando le aree di intervento prioritarie, da affrontare con urgenza.
4) Sfruttare i dati geospaziali e i big data per meglio comprendere l’interazione del turismo con l’ambiente.
5) Abbracciare approcci innovativi come l’economia circolare, un sistema economico concentrato sull’eco-design e sull’uso responsabile dei materiali (riduzione, riciclo e riutilizzo) per ottenere zero rifiuti. Un ripensamento costante e continuo per ottimizzare le prestazioni attraverso l’uso delle migliori tecnologie.

 

0 risposte ↓

  • Non ci sono ancora commenti.

Devi fare il login per inserire un commento.