PLEF. Il presidente Plata ospite di ALDAI per discutere sul tema della Riallocazione dei sussidi dannosi all’ambiente

24-10-2018

Mercoledì 24 Ottobre 2018, alle ore 10:00, il nostro presidente Emanuele Plata ha tenuto lo speech “Riallocazione dei sussidi dannosi all’ambiente per realizzare gli impegni COP 21” al Gruppo Energia ed Ecologia del Comitato Energia Elettrica di ALDAI – Associazione Lombarda Dirigenti Aziende Industriali.

 

Aldai rappresenta e tutela quasi 16.000 dirigenti industriali offrendo loro servizi di supporto ed assistenza relativi ai vari momenti del rapporto di lavoro. Il Comitato Energia Elettrica,  la cui responsabilità è affidata al socio PLEF Ing. Luciano Giannini, si occupa delle tematiche relative alla produzione, trasporto e distribuzione dell’energia elettrica. I membri del Comitato si dedicano allo studio ed osservazione delle tecnologie di produzione, dei problemi di efficienza e stabilità del sistema, del mercato elettrico, delle normative e leggi italiane ed europee.

 

Guarda la Locandina della conferenza.

→ Nessun commento Tags: · · · · · · · · ·

AMBIENTE. Le considerazioni di Edo Ronchi su Trump e l’Accordo di Parigi

05-06-2017

Riportiamo qui di seguito una nota del Presidente della Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile, Edo Ronchi, con le sue prime considerazioni e riflessioni in merito alla decisione di Trump di uscire dall’Accordo di Parigi sul clima.

 

Il Presidente Trump ha annunciato la sua decisione di uscire dall’Accordo di Parigi sul clima. Non ha ancora detto come intende procedere per farlo. I trattati internazionali sono regolati dalla Convenzione di Vienna (1969) che prevede (art.42) che il ritiro da un trattato internazionale possa avvenire secondo le modalità previste dal trattato stesso.

 

Il rischio di illegalità

 

L’Accordo di Parigi – sottoscritto da 175 Paesi, Stati Uniti compresi – è un trattato internazionale in vigore dal 4 novembre 2016, avendo superato i due quorum previsti (sottoscrizione di almeno il 55% dei Paesi che rappresentano almeno il 55% delle emissioni mondiali). L’art.28 dell’Accordo di Parigi prevede – per consentire l’avvio dei suoi complessi meccanismi – che per tre anni dalla sua entrata in vigore –quindi fino al 4 novembre 2019 – nessun Paese possa notificare la decisione per uscirne e che, presentata tale notifica, debba passare almeno un altro anno perché possa avere efficacia. Almeno fino al 4 novembre 2020, quindi, nessuno dei Paesi firmatari dell’Accordo di Parigi può legalmente uscirne. Poichè le prossime elezioni Presidenziali americane sono fissate il 3 novembre 2020, Trump, se seguisse la via della legalità internazionale, per vedere l’uscita dall’Accordo di Parigi, dovrebbe essere prima rieletto.

 
Leggi tutto

→ Nessun commento Tags: · · · · · · · ·

COMUNICAZIONI. La risoluzione del CNGE sull’Accordo COP21 di Parigi

15-02-2016

Cari Soci e simpatizzanti,
riportiamo in questo link, la Risoluzione del Consiglio nazionale della green economy sull’Accordo e sulla Decisione della COP 21 di Parigi, sollecitante il Governo e il Parlamento italiano a ratificare e applicare l’Accordo di Parigi con adeguate misure normative e con un efficace piano d’azione nazionale per l’energia e il clima.

 

Per chi volesse leggere il testo integrale dell’Accordo di Parigi sui cambiamenti climatici tradotto in italiano, può farlo cliccando a questo link.

 

→ Nessun commento Tags: · · · · ·